Abbiamo ampiamente parlato dell’importanza della tracciabilità del trasporto di alimenti e farmaci per la sicurezza dei consumatori. Ma esistono anche altre categorie di merci che richiedono particolare attenzione. Parliamo delle merci pericolose, ossia merci che per la loro natura, possono produrre danni ambientali o alla salute delle persone. Ma quanto sappiamo davvero su queste merci?  Facciamo il punto sulla questione.

Quali sono le categorie delle merci pericolose?

merci pericolose

Le merci pericolose sono suddivise in 13 classi.
A ciascuna classe è associato un determinato pericolo, le principali sono:

    • Infiammabili
    • Esplosive
    • Corrosive
    • Radioattive
    • Tossiche
    • Infettive
    • Ossidanti

Anche se non sono oggetto dell’accordo ADR,  ricordiamo anche i tanto discussi rifiuti pericolosi, il cui trasporto deve seguire le medesime regole del trasporto dei prodotti pericolosi.

 

ADR: la normativa che regola il trasporto di merci pericolose

L’ Accordo Internazionale per il Trasporto di Merci Pericolose su Strada è la norma che regola il trasporto su strada delle sostanze pericolose; attiva dal 1965, ad oggi comprende 45 paesi. L’ accordo si basa sulle “Raccomandazioni ONU” elaborate da un comitato di esperti e approvate dal consiglio economico sociale dell’ONU.

Le disposizioni dell’accordo ADR comprendono:

  • classificazione delle sostanze pericolose;
  • condizioni di imballaggio delle merci,
  • struttura dei veicoli e delle cisterne;
  • requisiti per  il trasporto e  documenti di viaggio;
  • abilitazione dei conducenti;
  • esenzioni.

Il testo completo della normativa è disponibile sul sito del Ministero dei Trasporti qui.

ADR 2017: chi coinvolge

L’intero processo di trasporto coinvolge 7 soggetti: speditore, trasportatore, destinatario, caricatore, imballatore, riempitore e scaricatore. Le responsabilità delle figure conivolte sono aggiornate ogni due anni. Ogni impresa incarica uno o più consulenti per la sicurezza del trasporto di merci pericolose, che ha  l’importante compito di prevenire i rischi per tutta la catena logistica.

In caso di non osservanza della normativa sono previste sanzioni fino ad 8000 euro e la sottrazione di punti dalla patente.

 

Come rispettare l’accordo ADR?

Per garantire che il trasporto di questo particolare tipo di merci avvenga nel rispetto delle norme,  ci vengono in aiuto alcune tecnologie di ultima generazione. Esistono infatti sensori e piattaforme Web, che permettono di monitorare le condizioni delle merci in ogni fase del trapsorto.
FROSTED è un modello di servizio innovativo per il controllo del carico merci, che sfruttando la tecnologia GPRS, permette di controllare lo stato dei prodotti e del mezzo, rendendo il trasporto più sicuro, economico e sostenibile.  Grazie a questo servizio gli attori della catena logistica possono collegarsi da remoto per verificare le performances del trasporto e ricevere allarmi in tempo reale in caso di anomalie. Per conoscere meglio FROSTED clicca QUI.