Come l’innovazione cambia il settore agroalimentare:

L’innovazione tecnologica, negli ultimi anni ha acquisito un ruolo fondamentale nello sviluppo del settore agroalimentare; in particolar modo nella tracciabilità e sicurezza alimentare. Sono tanti gli investimenti effettuati nella politica 4.0 in questo campo che portano all’affermazione di nuovi modelli circolari e sostenibili. L’innovazione digitale è il motore di questo cambiamento e favorisce l’introduzione sul mercato di un modello di filiera corta sostenibile e di nuove proposte per ridurre lo spreco di cibo, aumentare la collaborazione nelle filiere ed innovare tutti i processi della supply chain.

Uno dei tanti aspetti innovativi ma anche più conosciuto è sicuramente l’utilizzo della blockchain. Con la tracciabilità delle materie prime si riducono le problematiche legate agli intermediari, ad eventuali manomissioni e contraffazioni. La blockchain consente, dunque, di controllare e verificare cosa succede lungo l’intera filiera, garantendo la qualità dei prodotti e migliorando la sostenibilità ambientale.

L’innovazione dei processi produttivi nelle industrie alimentari:

L'innovazione dei processi produttivi nelle industrie alimentari

L’innovazione nel campo agroalimentare può riguardare sia l’introduzione di nuovi processi produttivi sia l’introduzione di nuovi prodotti.

Per quanto riguarda i processi produttivi esistono quattro categorie principali:

  • produzioni globali o standardizzate tipiche delle multinazionali;
  • produzione di prodotti innovativi e con sistemi che permettono la tracciabilità della filiera;
  • produzione di prodotti tipici in controtendenza con i processi di globalizzazione;
  • produzione di prodotti biologici e sostenibili.

Le innovazioni di processo, nel settore agroalimentare, possono comprendere l’utilizzo di nuove e particolari materie prime, l’applicazione di nuovi mezzi tecnici, l’utilizzo di nuovi sistemi di trasformazione fisica o chimica e nuovi sistemi biologici o di conservazione.

Le innovazioni dei processi, in generale, permettono una riduzione dei costi di produzione o un aumento della produttività. Queste innovazioni risultano particolarmente interessanti per le imprese che operano ad elevato tasso di meccanizzazione dei processi interni. Le innovazioni possono essere di diverse tipologie tra cui innovazioni meccaniche, biologiche, agronomiche, chimiche.

Tracciabilità e trasparenza nelle filiere agroalimentari:

La trasparenza informativa riscuote un gran successo nelle filiere agroalimentari, perché risponde alle esigenze dei consumatori di una maggior sicurezza alimentare ed è fonte di maggior qualità e informazione, quindi si considerano prodotti innovativi anche da questo punto di vista.

La tracciabilità può ricondurre a produzioni tipiche o tradizionali se le materie prime utilizzate e le modalità di produzione appartengono ad un territorio particolare, queste produzioni solitamente sono riconducibili ad imprese di piccole e medie dimensioni. Il consumatore odierno è sempre più attento alle tematiche relative al rispetto dell’ambiente, alle produzioni di qualità, e questi prodotti quindi trovano una domanda sempre crescente. I prodotti ecocompatibili, rispondono alla domanda dei consumatori di una maggiore efficienza nell’utilizzo delle risorse che portano alla sua realizzazione, con un occhio di riguardo all’ambiente.

La tracciabilità di filiera deve divenire uno strumento che permette:

  • di stimolare il progresso all’interno del settore;
  • permette di avere un quadro generale dei diversi operatori all’interno della filiera, e si identificano soprattutto i fornitori;
  • di valorizzare la qualità dei prodotti dell’agroalimentare;
  • offrire un interessante servizio post vendita al consumatore sempre più esigente di informazioni per la sua sicurezza alimentare;

Il mercato agroalimentare è sempre più globalizzato e per competervi le imprese devono cercare di diversificare i processi e i prodotti offerti, perché il consumatore è orientato sempre più verso prodotti di qualità, sani, e che incorporano al loro interno una quantità di servizi.